AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità
Servizi sociali

Via Santa Maria di Gesù, 90 - ex Educandato San Luigi - 1° piano
vedi mappa



Assessore: Dott.ssa Concetta (Sabrina) Mancuso - Tel. 0933 41726

Dirigente:  Dott. Renzo Giarmanà - Tel. 0933 41716 
 E-mail:  comandante_pm@comune.caltagirone.ct.it 
Pec:  protocollo.caltagirone@pec.it

Pec Servizi Sociali:
servizisociali.caltagirone@postecert.it -  assistentisociali.caltagirone@postecert.it

Emergenza Coronavirus

SERVIZI SOCIALI

 

IL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE PER LE SITUAZIONI INDIFFERIBILI
RICEVE PREVIA APPUNTAMENTO TELEFONICO,
PER LE ALTRE MOTIVAZIONI IL SERVIZIO VIENE
ASSICURATO TELEFONICAMENTE CONTATTANDO UNO DEI SEGUENTI NUMERI: 

0933/41712; - 0933 /41713; - 0933 /41708; - 0933 /41710; - 0933 /41711 

Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00

 servizi-sociali@comune.caltagirone.ct.it 


 

########################

 

##11.09.2020 - PUBBLICATO IL NUOVO ALBO DISTRETTUALE DI ACCREDITAMENTO ORGANISMI ED ENTI NO PROFIT 2020


########################

Modulistica



La filosofia dei nuovi servizi sociali

L’Amministrazione Comunale è impegnata a realizzare nella città sottende la volontà di costruire un modello virtuoso comunità>bisogni>sviluppo, ripensando una parte degli interventi sociali fino a ieri incentrati sullo schema individuo>domanda>emergenza, cercando di coniugare i fattori strategici dell’economia con quelli di una nuova promozione sociale e culturale, in quanto elementi non accessori dello sviluppo locale. Non vi può essere sviluppo senza coesione sociale, appartenenza, identità, istruzione.  
Tutto ciò per passare dall’assistenza dovuta all’integrazione voluta, dall’intervento  emergenziale generalizzato all’intervento personalizzato e cadenzato, da risposta  circoscritta al bisogno a risposta sociale di tipo proattivo e di contesto, da pratica isolata ed autoreferenziale a pratica concertata e mirata. 
Dentro queste coordinate sono state pensate le varie azioni da realizzare nonostante  la mancanza della definizione dei livelli essenziali delle prestazioni sociali che costituiscono diritti sociali di cittadinanza, determinano il permanere  nel nostro Paese di sistemi di protezione sociale ancora molto differenziati da Regione a Regione, nonché l’impossibilità  anche nella nostra città  e nel nostro Distretto, di garantire livelli essenziali di assistenza sociale di base. 
La mancanza di un Piano Sociale e Sanitario Regionale impedisce ancora oggi che si sviluppino scenari nuovi circa l’integrazione socio-sanitaria, la partecipazione degli utenti al costo dei servizi, l’accreditamento dei servizi sociali e socio-sanitari, l’attuazione di un fondo regionale per la non autosufficienza in grado di far fronte alle reali esigenze della popolazione disabile in crescita esponenziale.

Pertanto i  sevizi sociali rappresentano  il punto di frontiera attuale della programmazione di  sviluppo  di questo territorio, aperti alla sua attuazione e verifica locale, ma anche aperti  alle diverse tematiche in corso di definizione regionale e nazionale, con l’obiettivo di voler  rappresentare un punto di continuità  delle politiche sociali, sviluppate nel passato recente verso l’integrazione degli esclusi, la socializzazione degli inclusi e l’aumento delle possibilità di scelta dei servizi da parte delle  persone e famiglie.