AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

21/12/2018

Da sabato 22 dicembre il presepe africano nella casa natale del missionario gesuita Longobardo


Sabato 22 dicembre l’inaugurazione del presepe africano nella casa 
in cui nacque il missionario gesuita Nicola Longobardo, ulteriore spunto 
di riflessione per un messaggio di integrazione

 
    Sabato 22 dicembre, alle 17,30, in via Luigi Sturzo 46, si terrà l’inaugurazione del presepe “African Nativity”, realizzato dai minori stranieri non accompagnati del Progetto Sprar  di Caltagirone, accolti nelle comunità dell’associazione La Pineta, dell’Istituto Suore di Gesù Redentore Protettorato San Giuseppe e della cooperativa La Vita Adesso e promosso dal Comune di Caltagirone.
Gli ospiti, le scorse settimane, guidati da alcuni esperti esterni, hanno partecipato a un laboratorio artistico, realizzando i personaggi e l’ambientazione africana del presepe. L’idea è nata ai minori di fede cristiana, ma è stata subito accolta e condivisa anche da quelli di fede musulmana, creando un clima di sincera fratellanza tra gli appartenenti alle diverse etnie.

L’iniziativa, realizzata in sinergia con l’equipe multi-professionale del progetto, ha stimolato i ragazzi a un’attività di ricerca sulle tradizioni, sugli usi e costumi non solo locali, ma con un approccio multiculturale. Questa ricerca ha dato anche la conferma che la dimora che ospita il presepe, sede di un gruppo appartamento dei neomaggiorenni del progetto Sprar, è stata la casa natale di Padre Nicola Longobardo, missionario gesuita in Cina per oltre cinquanta anni e capo della missione dal 1610 al 1655. La sua azione, rivolta con semplicità e gioia agli ultimi, ai più lontani, nelle sperdute campagne della Cina, è stata spunto di riflessione per i minori stranieri non accompagnati del progetto Sprar, facendo nascere in loro il desiderio di sottolineare, in questo presepe, come rilevano gli organizzatori, “la semplicità, ma anche la profondità del messaggio in esso contenuto: la vicinanza tra i popoli, il rispetto di ogni fede religiosa e l’attenzione ai più deboli, ai soggetti ai margini della società di ogni tempo e di ogni parte del mondo”.

    “Si tratta di un’iniziativa che contribuisce all’integrazione e che, quindi, si rivela significativa, innanzitutto, in questa direzione – afferma l’assessore comunale al Welfare, Concetta Mancuso –, ma che amplia pure, con un’opera inedita e interessante, la già ricca offerta presepistica della nostra città”.
 
    
Caltagirone, 21 dicembre 2018                            
                                
UFFICIO STAMPA
  
Ufficio stampa: Mariano Messineo; Tel. 093341345 – 335/5327046
                  E – mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com