AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

torna alla pagina precedente
 

MOMENTO DEL CAMBIO

 

I bambini più piccoli (lattanti) non partecipano attivamente quando vengono lavati, vestiti o svestiti non avendo ancora acquisito una propria autonomia corporea; tuttavia questa prima fase non va sottovalutata perché attraverso le manipolazioni connesse alle "pratiche igieniche" si crea un'intensa stimolazione sensoriale piacevole per il bambino. L'Educatrice, mentre accudisce il bambino, offre tutta una serie di stimolazioni: sensoriali, tattili, visive, che vengono trasmesse ed ascoltate dal bambino ( benessere fisico), interagisce verbalmente con il piccolo, gli spiega cosa sta facendo stimolando così anche lo sviluppo del linguaggio. Attraverso queste esperienze si rafforza la relazione tra Educatrice e bambino e migliora il sentimento di sicurezza.
 


MOMENTO DEL PRANZO

E' importante che il bambino viva il momento del pasto in modo attivo e partecipe e non come una forzatura; l'adulto ha una grande responsabilità rispetto al modello che offre in questo particolare momento. L'Educatrice siede a tavola con i bambini, incoraggiandoli e aiutandoli dove necessario, valorizzando l'importanza educativa di questo momento.
I pasti sono preparati direttamente all'interno delle strutture, da personale specializzato e qualificato, tenendo conto anche di preferenze ed esigenze individuali quali allergie, intolleranze, ecc.
Una particolare cura è riservata alla qualità della materia prima utilizzata, scegliendo alimenti  di stagione, le cui tecniche di cottura sono preferibilmente al forno.
Composizione del pasto:  un primo piatto; un secondo piatto (alternativa piatto unico); un contorno di stagione cotto o crudo.
 


MOMENTO DEL SONNO

Avviene in un contesto privilegiato, rispettando tempi, esigenze e ritmi fisiologici di ognuno. L'educatrice, con i più piccoli, pone in essere questo momento con una gamma di comportamenti tesi a stabilire un contatto corporeo di tipo intenso-protettivo col bambino. Gli permette inoltre di succhiare il ciuccio, il biberon, ecc.; così facendo facilita la rassicurazione attraverso il "piacere primitivo" (fase orale, suzione).