AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità



Disabili





 




Il concetto di inclusione sociale inteso come inclusione nel contesto socio economico nel quale si svolge la vita dell’individuo.

Vengono individuati i seguenti punti che si ritiene di particolare interesse:

-la necessità di comporre una mappatura della disabilità quanto più possibile completa e omogenea, mettendo insieme i dati parziali provenienti da più fonti al fine di poter orientare al meglio le risorse economiche disponibili;

-la socializzazione per i giovani disabili deve essere intesa come promozione della persona e come capacità di autodeterminarsi. In questo percorso fondamentale risulta il rapporto tra pari attraverso il quale la socializzazione diviene un meccanismo naturale, correttamente inserito nel contesto in cui il soggetto vive;

-l’esigenza di attivare percorsi e progetti individuali al fine di promuovere la possibilità per i giovani disabili di avere una vita indipendente;

-la necessità di promuovere sostenere soggetti del terzo settore che aiutino l’inserimento dei giovani disabili in contesti lavorativi adatti alle loro esigenze. Un percorso di questo tipo integra la componente lavorativa con quella sociale e relazionale;

-l’esigenza di variegare l’offerta di attività per i giovani disabili in modo da venire incontro non solo alle esigenze di socializzazione ma anche ai più diversi interessi individuali;

il bisogno di una maggiore conoscenza delle attività che già insistono sul territorio locale al fine di sfruttare al meglio tutte le potenzialità;

-l’esigenza di supportare in modo più concreto e puntuale le famiglie dei giovani disabili le quali, molto spesso, sono le uniche ad avere piena responsabilità della socializzazione e del quotidiano dei loro familiari ed arrivano stremate a chiedere aiuto ai Servizi sociali.
Necessario appare, inoltre, per queste famiglie aprire un percorso di condivisione e accettazione della disabilità;

-individuare quei giovani disabili che diventano tali a seguito di eventi come malattie o, peggio ancora, incidenti dovuti ad abusi di alcool, droga e simili.
Doverosa in tal senso appare una riflessione sui meccanismi di prevenzione da attivare all’interno della società al fine di prevenire il più possibile episodi che espongano la popolazione ad inutili rischi;


-promuovere un’educazione alla solidarietà, specie nelle scuole, affinché venga costantemente migliorata la capacità della società di accogliere i soggetti svantaggiati;

-creare una visione di insieme da parte delle associazioni e dei servizi funzionale non solo a migliorare l’offerta per l’utenza ma utile anche a rafforzare un sentimento secondo il quale è la comunità ad impegnarsi a fronteggiare le debolezze di alcuni dei suoi componenti.