REGIONE SICILIANA

Città di Caltagirone



 

Tutti gli elementi

07/01/2022


I primi cittadini dei Comuni del Calatino al Governo regionale: “Troppe
e fondate le preoccupazioni per l’imminente ritorno fra i banchi di migliaia
di bambini e ragazzi. Si rinvii la riapertura delle scuole”.
Il sindaco Fabio Roccuzzo: “Ci aspettiamo interventi rapidi ed efficaci, altrimenti siamo pronti ad assumere iniziative ancora più forti
per salvaguardare la salute delle nostre comunità”

 
“L’attivazione di uno screening della popolazione scolastica di ogni ordine e grado, da effettuarsi entro domenica 9 gennaio per poter far ripartire le attività didattiche almeno in parziale sicurezza o, in ogni caso, se sarà necessario, il differimento dell’apertura delle scuole”.
Sono le richieste avanzate al Governo regionale dai sindaci dei 15 Comuni del Calatino (Caltagirone, Castel di Iudica, Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Militello, Mineo, Mirabella Imbaccari. Palagonia, Raddusa, Ramacca, San Michele di Ganzaria, San Cono. Scordia e Vizzini), a conclusione di una riunione svoltasi stamani al municipio di Militello.
“Vista la terribile esplosione pandemica – sottolineano i primi cittadini in una nota inviata al presidente Nello Musumeci, all’assessore della Salute Ruggero Razza, all’assessore dell’Istruzione Roberto Lagalla e ai vertici provinciali dell’Asp - , al fine di tutelare la salute delle nostre comunità, chiediamo all'Asp e alle istituzioni tutte l'attivazione dello screening della popolazione scolastica da effettuarsi entro domenica 9 gennaio, per poter far ripartire le attività didattiche, almeno in parziale sicurezza o, in ogni caso, se necessario, il rinvio dell’apertura delle scuole. Altissima la tensione e la preoccupazione per la fine delle vacanze natalizie e il ritorno tra i banchi di migliaia di ragazzi in un momento dove i contagi crescono in modo vertiginoso, peraltro in presenza di un disallineamento dei dati per la difficoltà di confermare ufficialmente molti positivi. La variante Omicron ha una contagiosità molto alta e, pertanto, c'è il serio rischio che, con il ritorno a scuola, i contagi possono moltiplicarsi ulteriormente”.
I sindaci si dicono pronti ad andare oltre: "In assenza dell'effettuazione dello screening – sostengono – o se sarà necessario, del differimento dell’apertura delle scuole, emetteremo ordinanze per la chiusura, almeno sino al 15 gennaio, dei plessi di tutte le scuole di ogni ordine e grado, pubbliche o private. Abbiamo il dovere di tutelare la salute delle nostre comunità. Tra l'altro moltissimi dirigenti scolastici, attualmente più di 600 in Italia, tra cui diversi siciliani, hanno scritto al Governo nazionale chiedendo di optare per la Dad, addirittura fino al 31 gennaio prossimo, in quanto ritengono anch’essi che sia davvero difficile, in questa fase, garantire la massima sicurezza". “In questa difficile situazione – dichiara il sindaco di Caltagirone Fabio Roccuzzo – siamo chiamati ad assumere ogni iniziativa possa rivelarsi utile per frenare la diffusione del contagio e tutelare, così, la salute dei nostri concittadini. Auspichiamo un intervento rapido ed efficace da parte del Governo regionale e delle autorità sanitarie, altrimenti saremo costretti ad assumere determinazioni ancora più forti per la salvaguardia delle nostre comunità”.
 
Caltagirone, 7 gennaio 2022
UFFICIO STAMPA

Mariano Messineo – Tel. 093341276 – 3392785639
E-mail: ufficiostampacaltagirone@gmail.com