AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità
Opere d'arte varie


1950 - La Fontana di Scelba, realizzata in omaggio al grande politico concittadino, Senatore Mario Scelba, situata per parecchi anni al centro storico, nello slargo antistante il Carcere Borbonico, oggi sede dei Musei Civici, è stata, negli anni ’80, rimossa e ricollocata in Piazza della Repubblica antistante la Stazione Ferroviaria. Inoltre sempre in omaggio al grande concittadino è stata realizzata una “testa scultorea in bronzo” che lo raffigura, posta su un piedistallo in marmo e custodita nel Salone di Rappresentanza a lui intitolato, presso il Palazzo Municipale.
XX sec.- Ceramiche artistiche di Andrea Parini, in grande fregio a pannelli, sul tema delle arti, professioni e mestieri, nel Palazzo Bellini ubicato nell’omonima piazza.
XX sec. - Ceramiche artistiche di Andrea Parini, costituenti un grande pannello, presso caffetteria della Stazione ferroviaria.
2000 - Il muro delle Meraviglie, realizzato su progetto del prof.Antonio Mastromattei, con opere in terracotta e ceramica di noti artisti contemporanei provenienti da diverse parti d’Italia, per rivestire il muro di sconfinamento del Giardino Pubblico, prospiciente la Via Circonvallazione.
2001 – L’albero della vita, opera scultorea realizzata da Eduardo Bellomo, posta in Piazza Bellini, zona sud della Città.
2004 – 26 pannelli in ceramica, collocati lungo i muri stradali dello svincolo Molona, realizzati da artigiani ceramisti locali e dall’Istituto Statale d’Arte per la Ceramica.
2007 – “Figura in Fuga” opera bronzea realizzata su progetto del ceramista Filippo Romano, posta davanti al plesso scolastico di S.Orsola.
2008 – “I quattro Elementi della Natura” : acqua, fuoco, terra e aria – raffigurati in quattro piccole colonne in ceramica realizzate su disegni del prof.Raffaele Boselli, sono ubicate in Piazza Bellini.
2012 – “Regina dei Monti Erei” – Figura dal sapore arcaico, grecizzante; appoggia una mano protettiva sullo stemma della Città, mentre con l’altra indica l’antico abitato di Caltagirone, quasi a metterne in evidenza la bellezza. Le linee ondulate alla base del paese rappresentano le sue colline, ma anche il movimento armonico di una evoluzione verso il futuro. E’ posta all’interno del Palazzo municipale. Dono dell’artista –prof. Raffaele Boselli- al suo Comune di nascita.